Appalti e concessioni dei servizi sociali, scolastici, culturali nel Codice dei contratti, dopo il primo provvedimento di revisione

Associazione Val di Magra Formazione organizza 

il seminario di aggiornamento

“Appalti e concessioni dei servizi sociali, scolastici, culturali nel Codice dei contratti, dopo il primo provvedimento di revisione”

 

Sarzana, Sala della Repubblica, Via Falcinello 1

Giovedì 25 maggio 2017




Programma

Un anno dopo la sua introduzione, il nuovo Codice degli Appalti è già oggetto di una prima significativa revisione. Diverse le novità, numerosi gli aspetti interessati dal primo decreto correttivo del D.Lgs. 50/2016, anche per quanto riguarda i servizi e le forniture: i criteri di aggiudicazione, le commissioni giudicatrici, le verifiche sull’aggiudicatario, il soccorso istruttorio. Vengono rivisti anche alcuni principi base delle concessioni.

Analizzate le principali novità introdotte con la prima revisione del  Codice degli Appalti, il corso si propone di illustrare  percorsi e procedure da adottare per gli affidamenti a terzi dei servizi  sociali, educativi, culturali, sportivi, di ristorazione, trasporti scolastici, servizi formativi, ecc… dalla fase della programmazione, fino alla esecuzione del contratto, come delineati dal Codice e dalle Linee guida ANAC.

Verranno affrontati i seguenti temi:

  • Principi delle nuove Direttive comunitarie in materia di appalti.
  • Il rinnovato ruolo della programmazione degli acquisti.
  • La qualificazione delle Stazioni Appaltanti.
  • Aggregazioni e centrali di committenza: le regole per i Comuni.
  • Il crescente rilievo sulle scelte/obblighi delle procedure assunto dal valore della commessa.
  • Le procedure di affidamento per contratti di valore superiore e inferiore alle soglie comunitarie: principali differenze.
  • I possibili affidamenti diretti per valori inferiori a 40.000 Euro.
  • Gli operatori economici: i motivi di esclusione.
  • Il soccorso istruttorio.
  • I sistemi di affidamento.
  • Ricorso al Mercato Elettronico, tra obbligo e facoltà.
  • Criteri di aggiudicazione degli appalti: il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, il criterio del prezzo più basso.
  • La fase di esecuzione del contratto.
  • Il rafforzamento dell’ANAC nel duplice ruolo di motore e di regolatore del sistema.
  • Le linee guida ANAC a completamento del Codice: contenuto e applicabilità dei provvedimenti più rilevanti (le procedure per i contratti sotto soglia, l’uso del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, albo unico dei commissari di gara, ecc.).
  • Il periodo transitorio.
  • Regole operative per gli enti in attesa del completamento delle numerose misure attuative richiamate nel codice.
  • I servizi sociali, ora inclusi nell’allegato IX del nuovo Codice (ex. All. IIB): da servizi parzialmente esclusi a servizi a  regime “particolare”.
  • Appalti di rilievo comunitario: la difformità del livello della soglia comunitaria (750.000 Euro) rispetto ai servizi ordinari e il calcolo del valore del contratto.
  • Possibile impiego di procedure semplificate: l’uso dell’avviso di preinformazione e di successive procedure ad invito, in luogo del bando di gara.
  • L’obbligo di pubblicità (con applicazione delle norme ordinarie) per gli appalti di servizi sociali.
  • La spinta alla suddivisione degli appalti in lotti per favorire le piccole e medie imprese. Il Documento di gara unico europeo (DGUE).
  • Gli appalti che possono essere riservati a particolari organizzazioni e rapporto con le cooperative sociali e altri organismi no-profit.
  • Le principali regole per gli appalti dei servizi di ristorazione e di trasporto scolastico.
  • L’OEPV quale unico criterio di aggiudicazione: gli elementi da considerare nella definizione dei criteri.
  • Specificità valide per i servizi ad alta intensità di manodopera: qualificazione, criterio di aggiudicazione e altri tratti distintivi.
  • Le clausole sociali. L’assoggettamento degli appalti di servizi sociali, culturali, e di ristorazione ai modelli di aggregazione obbligatoria per alcune categorie di enti (es. Comuni non capoluogo): gli aspetti critici.
  • Il possibile ricorso alla procedura negoziata per affidamenti inferiori alla soglia comunitaria: principali vantaggi e limiti.
  • L’importanza del principio della rotazione.
  • Gli appalti misti.
  • Le fasi della procedura di gara.
  • L’anomalia dell’offerta.
  • Le scelte sulla durata del contratto, le opzioni: rinnovo, proroga, ripetizione.
  • I requisiti di qualificazione degli operatori economici per l’ammissione alle procedure di gara e i criteri (e sub criteri) di valutazione delle offerte – quali relazioni.
  • L’introduzione di criteri “reputazionali”.
  • Composizione e lavori delle Commissioni Giudicatrici. Ammissibilità alla procedure di gara delle organizzazioni senza scopo di lucro
  • L’utilizzo delle concessioni come strumento alternativo di acquisizione di servizi sociali ed educativi, procedure e applicazione contratti di servizio.
  • La procedura di affidamento per le concessioni di servizi: l’applicazione delle disposizioni del Codice valide per i settori ordinari e speciali. Vantaggi e limiti rispetto al contratto di appalto. La durata e il valore delle concessioni.
  • Il “rischio operativo” e l’equilibrio economico-finanziario quali elementi qualificanti l’istituto della concessione  nella nuova

 

  • Relatore: Dott. MASSIMO TERENZIANI,

Dirigente settore Istruzione del Comune di Modena

  • Sede: Sala della Repubblica, Sarzana, Via Falcinello 1
  • Orario: giovedì 25 maggio 2017, orario previsto 00-13.00/14.00-16.00

Lo spazio dato alle domande dei partecipanti su casi pratici di comune interesse potrà costituire un elemento di ulteriore studio e confronto.

Al termine del seminario sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Destinatari principali: Dirigenti e Funzionari delle pubbliche amministrazioni (Servizi Sociali, Settore Istruzione, Servizi Scolastici, Cultura, Ufficio Ragioneria), Segretari comunali, Direttori generali,  Amministratori

 

MODALITÀ E TERMINI DI ISCRIZIONE E PAGAMENTO:

La scheda di iscrizione allegata al programma deve essere inviata compilata al numero di fax 0187/603167 o via mail a: info@avmform.com entro e non oltre il 22/05/2017

Il versamento della quota deve essere effettuato tramite bonifico intestato a

Associazione Val di Magra Formazione (conto CARISPE c/c 21734 – ABI 06030 – CAB 49849),

Codice Iban IT34E0603049849000035272540, intestato ad Associazione Val di Magra Formazione.

L’Associazione Val di Magra Formazione emetterà fattura elettronica e pertanto contatterà gli uffici competenti degli Enti di appartenenza dei partecipanti per acquisire i dati necessari (in primis il codice univoco).

Iscrizioni e quote di partecipazione:

  • la quota di partecipazione individuale è di € 100,00
  • la quota di partecipazione per due persone dello stesso ente è di € 180,00
  • la quota di partecipazione per tre persone dello stesso ente è di € 240,00
  • la quota di partecipazione per quattro persone dello stesso ente è di € 300,00
  • la quota di partecipazione per cinque persone dello stesso ente è di € 350,00

La quota di partecipazione si intende esente IVA se corrisposta da Ente Pubblico ai sensi dell’art. 10 D.P.R. n. 633/72, così come dispone l’art. 14 comma 10, Legge n. 537 del 24.12.93.

IL CORSO VERRÀ REALIZZATO SOLO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI  PREVISTO. IN CASO DI NON REALIZZAZIONE DEL CORSO VERRÀ RESTITUITA LA SOMMA EVENTUALMENTE GIÀ PAGATA PER LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE.

Informazioni:

Associazione Val di Magra Formazione

Dott. Rollando Baria

Tel. 0187.603167  info@avmform.com